01
Giu
2018

Russare fa male alla salute...e anche alla coppia!

Russare fa male alla salute...e anche alla coppia!
Marco Zorzetto

Le nuove tecniche chirurgiche permettono la risoluzione definitiva di questo fastidioso problema

 

In alcuni casi il fragore non è particolarmente forte, in altri può divenire addirittura motivo di litigi di coppia. La roncopatia, più comunemente conosciuta come "russamento" è un fenomeno piuttosto diffuso: il 45 % degli adulti russa di tanto in tanto, mentre il 25 % lo fa abitualmente. Ad esserne maggiormente colpiti sono le persone dai quarantacinque anni in su, specialmente di sesso maschile. Ma dietro questa problema apparentemente innocuo, le conseguenze possono anche essere serie, con rischi al sistema cardiovascolare. 

Il disturbo causa spesso un peggioramento della qualità del sonno, che si traduce durante il giorno in sonnolenza, irritabilità e mancanza di concentrazione. Russare durante il riposo può essere il primo allarme di apnea ostruttiva notturna o può essere segno di ostruzioni respiratorie e il suo manifestarsi può risultare correlato ad un aumento di rischio di attacco cardiaco e ictus.  

Quando il problema è lieve, in alcuni pazienti può essere sufficiente modificare lo stile di vita per risolverlo definitivamente:  perdere peso, smettere di fumare, non consumare alcolici e dormire sdraiati su un fianco rappresentano utili accorgimenti da seguire.

Ma cosa fare quando i metodi tradizionali non hanno gli esiti che si vorrebbero? Una soluzione definitiva può essere rappresentata dall'intervento chirurgico: ne parliamo con il  Dottor Tito Marianetti, chirurgo maxillo facciale specializzato in settoplastiche funzionali.

Prima di considerare un intervento esistono alternative non chirurgiche?
Se la causa del disturbo è correlata al naso si possono provare i cerottini nasali o i dilatatori: l’obiettivo è quello di dilatare le vie aeree prevenendo il restringimento che causa l’aumento di pressione dell’aria. Non vi è certezza sull'efficacia di questi metodi, tuttavia possono rappresentare un tentativo economico che vale la pena sperimentare.

Quando è invece è auspicabile la strada dell'intervento chirurgico?
Nei casi in cui gli altri metodi non abbiano avuto il riscontro desiderato e il problema sia di natura severa. Spesso la roncopatia è di origine rinogena, cioè direttamente riconducibile al naso, come un'ostruzione data da un setto nasale deviato, un ingrossamento dei turbinati o un restringimento della valvola nasale. 

In questi casi come è necessario intervenire?
Attraverso la settoplastica funzionale che consiste nella correzione del setto nasale deviato che può generare il russamento: una volta effettuata una piccola incisione interna alla base del setto nasale, si procede con la rimozione o il raddrizzamento della parte ossea e cartilaginea deviata. L'operazione, di norma effettuata in anestesia generale, in day hospital, dura dai 20 ai 40 minuti ed è totalmente indolore grazie anche all'assenza d'impiego dei tamponi post-operatori, tanto temuti dai pazienti.

Si respira immediatamente dopo l'intervento?
Non è esattamente così: le secrezioni, le croste e qualche coagulo nella prima settimana impediscono una corretta respirazione. Con i lavaggi nasali però viene gradualmente recuperata la pervietà delle fosse nasali e la respirazione ideale si raggiunge a circa trenta giorni dall’intervento. La riduzione del russamento procede di pari passo con il recupero della funzione respiratoria.

COSA SONO LE LE APNEE OSTRUTTIVE NOTTURNE? 
Il russamento è spesso legato alla sindrome delle apnee del sonno (OSAS), un disturbo caratterizzato da un elevato numero di episodi ostruttivi delle prime vie aeree, durante il sonno: la respirazione viene brevemente interrotta o scende di frequenta. Le pause respiratorie, della durata compresa tra i 10 e i 20 secondi, possono verificarsi fino a centinaia di volte per notte. L’apnea notturna non trattata impedisce di ottenere un sonno sufficiente e appagante. Per affrontare il problema ci si può avvalere di respiratori automatici (CPAP), di particolari apparecchi ortodontici e nei casi più gravi ricorrere all'intervento di chirurgia ortognatica.

 

 



 Ultime dai Forum

  • Offro aiuto per fare tesine ...

    Citazione: Mandami un email


    michelesisto1@alice.it ...

  • Preparati ai test! ...
    Ciao a tutti!

    Dovete sostenere un concorso di ammissione, una prova di verifica delle conoscenze di bas
    ...
  • Progetto Start@UniTO ...
    Non lasciatevi sfuggire l'opportunità di iniziare l'università col piede giusto... start@unito!
    [url]ht
    ...
  • VACANZE CROAZIA A PREZZI SPECIALI! ...
    CROAZIA VACANZE l`isola dei pini,un paradiso verde affacciato sul mare affittasi appartamenti l’isola dei vostri sogni B ...
  • VACANZE NELL' ISOLA PIU' BELLA DEL ...
    CROAZIA VACANZE l`isola dei pini,un paradiso verde affacciato sul mare affittasi appartamenti l’isola dei vostri sogni B ...
  • Tesina maturità nautico su Gu ...
    Salve ragazzi, a poco ho gli esami di maturità e ancora non so effettivamente di cosa parlare, vorrei partire dal ...

 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net è una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372

Powered by Pigreco ver. 4.226