17
Ott
2017

Acido Ialuronico: L'amico fidato della nostra pelle!

Acido Ialuronico: L'amico fidato della nostra pelle!
Marco Zorzetto

Trattamenti topici a base di creme & sieri da alternare ai filler  sono la risposta ideale per garantire alla nostra epidermide un perfetto grado di idratazione per tutta la stagione autunnale!

 

L'estate è quasi terminata e, al rientro dalla vacanza, complici il troppo sole e qualche ora di mancato sonno, la nostra pelle grida vendetta: piccole imperfezioni e rughette d'espressione appaiono sul nostro viso, togliendo compattezza all'abbronzatura tanto sudata. Se il must per l'estate è stato proteggere, la cura della pelle al rientro dalle ferie deve essere mirata alla reidratazione e al rinnovamento cellulare,  "l'epidermide appare di un aspetto opaco e con una trama appesantita causata dallo stress da eccessive esposizioni solari" sostiene il Dott. Tito Marianetti, chirurgo maxillo facciale ed esperto in medicina estetica, "occorre quindi riequilibrarla  attraverso un'idratazione costante, al fine di ristabilire nuovamente i giusti parametri del metabolismo cellulare".

Un valido alleato per questa stagione è rappresentato dall'acido ialuronico, un costituente del derma, lo strato più profondo della nostra pelle, "un elemento fondamentale per l'elasticità e il benessere dell'epidermide, che purtroppo tende a diminuire con l'avanzare dell'età  anche a causa di  fattori esterni come il sole estivo" afferma il Dottore.   

Da quando fu scoperto, nel 1930, venne ribattezzato “la chiave della fonte della giovinezza” ed è ad oggi comunemente impiegato nei trattamenti anti-age.

Grazie alle sue molteplici proprietà, questo "amico delle pelle" conferisce tonicità, morbidezza e migliora la cementificazione cellulare, garantendo la naturale densità del derma: assorbe acqua, la trattiene e la rilascia in base al fabbisogno dell’organismo, mantenendo dunque la giusta idratazione e umidità dei tessuti .

Un trattamento davvero completo senza nessun tipo di controindicazione, salvo rari casi di ipersensibilità:  "si tratta di un componente naturale presente nella pelle e nelle cartilagini e, per questo, non ha effetti collaterali" sottolinea Marianetti,  rassicurandoci  che negli ultimi anni è stato utilizzato per fini estetici in milioni di pazienti ed esistono svariati studi istologici e clinici che ne dimostrano la tollerabilità e l’efficacia.

Le proprietà di cui gode l’acido ialuronico sono molteplici: un uso comune riguarda la guarigione di ferite, ustioni, ulcere della pelle, per poi essere usato nella cosmesi come ottimo idratante per stimolare la formazione sia del collagene che dei tessuti connettivi. Per concludere,  supporta il debellamento di virus e batteri ed aumenta la plasticità dei tessuti.

Se è prioritario idratare costantemente dall'interno il nostro corpo, bevendo giornalmente almeno due litri di acqua, dall'esterno possiamo incrementare questa attività avvalendoci dell'acido ialuronico, sia con prodotti ad uso topico, sia con trattamenti urto per evitare l'effetto "ingrigimento" tipico dell'avvento della stagione autunnale.

 

LE CREME E I SIERI

Sono molteplici e adatte a tutte le tasche le soluzioni presenti sul mercato a base di acido ialuronico che regalano al volto un immediato effetto lifting. Prioritario è verificare sempre la percentuale di componente presente all'interno del prodotto evitando quelli a base alcolica che andrebbero ad annullare l'effetto idratante dell'acido stesso.

L'acido ialuronico ha diversi pesi molecolari: più è basso il peso molecolare, più penetrerà negli strati profondi della pelle idratandola, più il peso molecolare  è alto, più rimarrà in superficie garantendo un effetto tensore immediato, limitando l'evaporazione dell'acqua.

L'utilizzo della soluzione in crema  è consigliato anche per le pelli più giovani, morbide e senza alcun segno d'età, con l'obiettivo di mantenere perfettamente idratata l'epidermide preservandone così la naturale bellezza.  Il siero, di contro, avendo un effetto più intenso, è idoneo alla pelle più matura, già segnata dal tempo.  

Può essere utile per un trattamento più completo alternare l'utilizzo di una crema a base di acido ialuronico durante il giorno con un siero più nutriente  ma dalle stesse proprietà per la sera, prima di coricarsi.

Tra i prodotti più venduti, per le creme, la linea anti-age de L'Erbolario a base di acido ialuronico ideata con tre livelli differenti di peso molecolare per compiere un'azione completa sull'epidermide.  Nella linea: Struccante bifasico, Mousse detergente, Fluido viso a tripla azione, Contorno occhi a tripla azione, Crema viso a tripla azione per pelli normali e secche, Crema viso a tripla azione per pelli miste, BB Cream Crema viso SPF 15, CC Cream Crema viso SPF 20 tonalità caramello e tonalità miele, Crema viso a tripla azione per la notte, Trattamento labbra anti-age, Crema corpo idratazione intensa a tripla azione, Lozione riequilibrante per il viso e Lozione addolcente per il viso.

Anche Eucerin ha una linea a base di acido ialuronico: nei prodotti questo ingrediente è abbinato alla saponina, che dovrebbe stimolare la produzione di acido ialuronico anche dall’interno.

Per i sieri,  tra quelli bio vi è quello del Dr. Taffi, Acido Ialuronico Puro, (concentrato ad azione rimpolpante ed elasticizzante per distendere le linee d'espressione con un effetto tensore) e quello di Estelle & Thild (Acido ialuronico vegan friendly concentrato al 2% con diversi pesi molecolari arricchito con vitamina B5).

 

I FILLER

Ad intensificare l'operato di creme e sieri, vi sono i filler a base di acido iauluronico, trattamenti intensivi  che reintegrano nella pelle quelle sostanze che il nostro organismo fatica a produrre:  "è come dissetare la pelle dall’interno" spiega il dottor Marianetti:  "si tratta di gel con caratteristiche chimico-fisiche di grande fluidità, in grado di attrarre fortemente l’acqua e quindi idratare, stimolare la formazione di nuovo collagene e contrastare la formazione dei radicali liberi".

Il filler può correggere le rughe "classiche" a livello dei solchi naso-genieni, delle marionette (ai lati della bocca), del codice a barre, della ragione centrale della fronte".  E' una vera bacchetta magica per la nostra pelle che può ridefinire i volumi del volto a livello della regione zigomatica, del mento, delle tempie, dei solchi palpebrali e del contorno mandibolare" sottolinea Marianetti.

L’infiltrazione è dolorosa? "Solitamente no" rassicura l'espero, "Il fastidio varia in base alla zona da trattare e alla soglia individuale di percezione del dolore. Grazie all’utilizzo di aghi sottilissimi si avverte solo un minimo fastidio ed in molti pazienti non è nemmeno necessaria l’anestesia locale o la crema anestetica".

L’acido ialuronico viene iniettato nel derma in due modi differenti: con ago o con agocannula. Per la stagione ancora calda è preferibile l'utilizzo della seconda opzione, che riduce enormemente il rischio di lividi.  La profondità di iniezione è differente a seconda che si voglia eliminare una ruga, correggere il volume o definire il contorno labbra.


Subito dopo il trattamento, continua il medico,  "sono comuni reazioni leggere, che sono la naturale conseguenza delle iniezioni: tra esse le più frequenti sono arrossamento, gonfiore, dolore, prurito ed ematoma". Generalmente queste reazioni si risolvono spontaneamente in poche ore.

Attenzione!  "Se compare qualche piccolo livido, è suggeribile esporsi al sole solo dopo qualche giorno, ricordandosi una protezione alta fino al totale riassorbimento degli edemi" conclude il medico.

STIMOLARE DALL'INTERNO

Stimolare la produzione di acido ialuronico è anche possibile scegliendo i giusti alimenti.

Tra gli alimenti che ne favoriscono la produzione, ricordiamo i cibi antiossidanti, e cioè quelli ricchi di vitamine A, C ed E, minerali, carotenoidi, acidi grassi essenziali (omega 3) e polifenoli (flavonoidi, resveratrolo).

Eccone alcuni esempi:

Spezie, peperone e proteine di soia: la vitamina C che si trova in questo alimenti partecipano alla sintesi dell'acido ialuronico. Inoltre, spezie come il coriandolo e il prezzemolo sono fonti ricche di vitamica C.

Olio di pesci: l'olio di fegato di merluzzo, ma anche pesce spada, aringhe, salmone, sgonbro, sardine e tonno, contengono alti livelli di vitamina D, che agisce con l'acido ialuronico rinforzandone la sua azione e portando così alla rigenerazione del collagene della pelle.

Vino Rosso è ricco di acido ialuronico: per chi invece è astemio un concentrato di uva rossa è un'ottima alternativa con le stesse proprietà.

E poi... barbabietole, papaya, more, prugne, arance, carote, kiwi, ananas, mirtilli, verdure verdi, zucca, spinaci, broccoli, germe di grano, tè, uova e per concludere in bellezza cioccolato fondente!


DIDASCALIA FOTO: Dott. Tito Marianetti, esperto in chirurgia maxillo facciale e ortognatica operante a Roma e Milano.  www.myrhinoplasty.it /www.ortognaticaroma.it

 

 



 Ultime dai Forum

  • Cry9 ransomware virus ...
    Salve, mondo!
    I rookie, il mio numero di priorità uno è questa sicurezza del computer. Soprattutto dopo g
    ...
  • Orientamento! ...
    Ciao a tutti!

    Nella categoria di corso Preparati ai test di Orient@mente sono stati pubblicati tre nuovi corsi
    ...
  • Offro aiuto per fare tesine ...
    dovrei svolgere una tesina su "le servitù prediali nell'ottocento". Come potresti aiutarmi? ...
  • tesina ...
    ragazzi mi serve una tesina(tecnico-commerciale)..le materie sono
    inglese
    italiano
    ec aziendale
    matematica
    informat
    ...
  • AIUTO TITOLO TESINA ...
    Come argomento ho scelto il distacco dalla tradizione e parlo di movimenti che si sono distinti in particolar modo
    Non
    ...
  • Tesina maturità, aiutooo.? ...
    Salve a tutti, frequento il liceo delle scienze applicate e come argomento di tesina ho scelto: "la cecità ...

 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net è una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372

Powered by Pigreco ver. 4.226